lunedì 5 novembre 2007

Come farsi il latte condensato

(titolo originale: Aiuto! Piuttosto di comperare il latte Nestlè continuiamo con il caro buon vecchio grasso della Nutella)

Mi aspettavo qualche presa di posizione sull'argomento. Sugli aspetti politico-sociali io non sono così assoluto (o coraggioso) da giustificare rinunce che mi danneggiano, però vi capisco, rispetto la vostra opinione, e provvedo.

Si può fare in casa il latte condensato a partire da latte e zucchero. L'eventuale sapore di "latte cotto" derivante dalla reazione di Maillard in questo caso non è un problema, anzi, è proprio quella che ci serve per ottenere il mou. Ricetta: http://www.cookaround.com/yabbse1/showthread.php?t=34781

Il latte fresco o UHT si può sostituire con il latte in polvere più poca acqua calda, così il composto è già “ridotto” e si riesce a sciogliere la polvere senza bollire. Ricette:
http://www.semplice.it/cucina_scheda.php?id=470
http://www.cookaround.com/yabbse1/archive/index.php/t-44234.html

Io ho provato con 60 grammi di latte scremato in polvere, 60 di zucchero bianco e 50 di acqua quasi bollente, sbattendo a lungo per sciogliere i grumi. A causa di un piccolo incidente di percorso il risultato non è presentabile, tuttavia sento che sono sulla buona strada.

Anch'io farei volentieri a meno di prendere il Nestlè, ma gli eventuali scrupoli politico-sociali per me vengono dopo la salute mia e dei familiari. Inoltre, più o meno, per me un'industria vale l'altra. Quasi tutte privilegiano i loro interessi prima (e talvolta a scapito) di quelli dei consumatori. Per questo io a qualsiasi latte industriale, liquido o in polvere, Nestlè o altri, preferirei il latte che vedo mungere in fattoria dove so COSA MANGIANO LE MUCCHE e cosa NON fanno al latte. Spesso preferisco acquistare prodotti del Commercio Equo e Solidale, principalmente perchè secondo me sono migliori o quanto meno più buoni.
Condensato già pronto ho trovato solo il Nestlè, proverò al chinashop anche se dal punto di vista igenico tutto sommato il Nestlè forse è il male minore.

“Tengo famiglia” e dovendo dare da mangiare a quei pitoni dei figli, preferisco fargli trovare sul tavolo qualcosa che gradiscano e che sia il più salutare possibile (per quanto di mia conoscenza). Quindi fra Nutella (et similia) e crema mou fatta di latte condensato di qualsiasi marca, preferisco la seconda (P.S.: sto progettando delle variazioni alla crema mou per renderla sempre diversa e fare in modo che non stanchi, vedremo in seguito).

Non faccio guerre di religione. Da qualsiasi guerra tutti escono perdenti. Però faccio scelte, che nel carrello della spesa pesano come voti, ma sempre libero da qualsiasi logica politica.

Concludo il panegirico. Nella mia lista delle priorità si trovano, nell'ordine:

  1. Offrire un prodotto ugualmente gradevole ma più salutare dei prodotti industriali che spacciano.
  2. Sostituire i prodotti industriali con preparati equivalenti realizzati con ingredienti genuini.
  3. Mantenere alto l'indice di gradimento dei miei... clienti (leggi familiari).
  4. Risparmiare tempo e denaro.
P.S.: mi incuriosiva sapere perchè il barattolo di latte condensato Nestlè fosse proprio di 397 grammi, la spiegazione l'ho trovata nella foto in alto ;-)

P.P.S.: e già che ci siete, fatevi anche i Twix:


P.P.P.S.: Tranquilli, non mi sono offeso. So benissimo che è impossibile accontentare tutti.

6 commenti:

natalia ha detto...

non ho capito bene... si può partire anche dal latte a lunga conservazione ? e quale sarebbe la polvere da aggiungere???
mi piacerebbe provare a partire dal latte di capra....... chissà cosa ne esce, ma vorrevi sapere prima se è indispensabile il latte in polvere..
grazie!!!

Piero ha detto...

Ciao Natalia, il latte in polvere non è indispensabile, va bene qualsiasi tipo di latte, tutti contengono le proteine che reagiscono con gli zuccheri (saccarosio) formando l'agognato mou grazie alla reazione di Maillard.
Con il latte condensato zuccherato non serve aggiungere altro (vedi post precedente), con il latte in polvere si riproduce il latte condensato aggiungendo meno acqua di quella necessaria a riprodurre il latte, con il latte "liquido" (appena munto, fresco di centrale o UHT) bisogna bollirlo molto per ridurre l'acqua e caramellizare, come da ricetta del Dulce de Leche che trovi in giro (vedi post precedente).
Anch'io per assecondare intolleranze (di altri) dovrò provare con il latte di capra, che peraltro trovo anche appena munto.
Spero di essere stato chiaro, altrimenti fammi sapere.

UXO ha detto...

DOMANDA: oggi al KFC ho preso un cappuccino e mi han dato 2 barattolini di latte condensato. Non l'ho mai usato, però l'ho aggiunto al cappuccino. Il sapore del condensato puro era acidulo, intenso. Mi sapete dire se esiste solo come sostituto del bricco di latte (per il semplice fatto che è più facile conservarlo ed evita sprechi) o se è un esaltatore di sapore? Insomma, che funzione ha? Quale è l'utilizzo esatto? GRAZIE

Piero ha detto...

KFC? uots dis?
http://it.wikipedia.org/wiki/Kentucky_Fried_Chicken

Uxo io non saprei risponderti, salvo considerare che in genere qualcosa di inscatolato da un'industria non è fatto per darti una cosa più buona dell'equivalente naturale ;-)

Elena79 ha detto...

andate su www.naturei.it se non trovate il latte in polvere. Costa poco, un kg circa 6 euro io ho risolto così..

spero d'esservi stata utile

Elena79 ha detto...

ps

dimenticavo di dire che io uso questo latte in polvere naturei nel caffè per macchiarlo e viene molto meglio che col latte condensato, mi piace il sapore ed è comodo perché in bustine piccole da versare sul momento, poi non scade ;-)) na pacchia insomma