lunedì 17 dicembre 2007

Pane e Panettone: qualcosa non quadra.

Per fare un confronto reale con quelli che mi sto facendo in casa, anche se siamo ben lontani dalle svendite di fine anno la settimana scorsa al supermercato ho comperato un panettone Bauli da 1 chilo, pagato 2,50 Euro. Un buon panettone, ingredienti naturali, lievitazione naturale, ecc.

Considerati ingredienti costosi (burro, uvetta, canditi, mandorle, glassa, ecc.), lunga lievitazione naturale (niente lievito di birra, come dettato dal disciplinare), lavorazioni, e battage pubblicitario, in proporzione il pane non dovrebbe arrivare a un Euro al chilo.

E invece nello stesso supermercato il pane comune, teoricamente fatto solo di farina, acqua e lievito, lo vendevano a 3,30 Euro al chilo. Quelli con qualche aggiunta dai 4,00 ai 4,90 Euro al chilo. Non ho resistito e l'ho fotografato (clicca sulla foto per ingrandire, quella ad alta risoluzione occupava troppo).

E' possibile che il panettone costi meno del pane? Forse il pane costa di più perchè è artigianale. FALSO! Come si vede dall'etichetta il pane in vendita è Panem, 5000 punti vendita in Italia, dal suo sito, fra le tante chicche:

L'azienda, infatti, mira continuamente ad aumentare il valore aggiunto dei prodotti anche dal punto di vista specificamente commerciale, mediante una assidua ottimizzazione dei rapporti con la distribuzione resa possibile dall'abbassamento dei costi di interfaccia con la G.D.O. grazie all'efficienza del sistema logistico, amministrativo e commerciale facendo confluire le merci in maniera dinamica, adattata ai livelli e alla qualità dei consumi, sostenuta da un accurato flusso informativo.
Qui è molto diffuso anche Morato Pane (ex grande azienda locale, ex multinazionale, ora (sembra) tornata al controllo locale). Azienda dallo spiccato senso dell'umorismo, infatti si definisce "artigianale" :-]
"Morato Pane - Un successo costruito su ricerca e sviluppo, innovazione di qualità e contenuto di servizio. Le Interviste: Claudio Gariboldi è direttore commerciale di Morato Pane, dallo scorso anno tornata al 100% sotto il controllo della famiglia Morato, dopo l’acquisizione della quota detenuta da Harry’s France. Morato Pane ha chiuso il 2006 con un fatturato di 35 milioni di euro, oltre 150 dipendenti e uno stabilimento dotato di 4 linee per 15.000 tonnellate di produzione annua"
E questi sarebbero artigiani?

Fatta questa introduzione, vi invito a leggere l'articolo di Stefania P.

Sono anni che faccio il pane in casa, e mi ritengo fortunato.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Mia mamma lo sostiene da anni che nel periodo di Natale il panettone costa meno del pane...peccato che col salame non si sposi molto :-D
PAOLA

cielomiomarito ha detto...

Riguardo al pane "artigianale" c'è una cosa che non mi quadra: da anni mio marito (che soffre di allergie) si lamentava che mangiando pane gli si gonfiava lo stomaco e negli ultimi tempi praticamente non lo mangiava quasi più. Chissà com'è da quando il pane lo faccio io, il suo stomaco è tornato normale, e si fa fuori mezza pagnotta a ogni pasto. Hai ragione tu, c'è da ritenerci fortunati :)
Grazie per tutte le dritte che ci dai e Buon Natale

Anonimo ha detto...

Prezzi rilevati all'interno di una panetteria.

TORINO:
Pane a lievitazione naturale, lievito madre, farina macinata a pietra- euro 3.50/kg
Panettone artigianale, lievitazione naturale, ricetta tradizionale- euro 20/kg

MILANO:
Pane come sopra- euro 5/kg
Panettone come sopra- euro 24/kg

Anche qui i conti non tornano...

Anonimo ha detto...

Forse aveva ragione Maria Antonietta quando voleva dare al polo le brioches ...
Scherzi a parte, il dubbio di essere presi per i fondelli sorge spontaneo di fronte alla realta' di panettoni comperati alla DICO a 0,46 Euro per 800 Grammi e pane normalissimo che parte (a Genova) de 3,50 euro al chilo (non cito qualche raro prezzo inferiore perche' andiamo su prodotto veramente scadente) .
In parallelo e' impressionante vedere cosa ci impogono a lovello di ingrdienti nell'industria dolciaria, laddove una torta che si potrebbe realizzare con 4 componenti viene prodotta con 10 - 12 sostanze tra cui almeno 3 zuccheri diversi e 4 conservanti.